.

 

 

 

  APRITI CIELO!

'Raid turistico in spider', fra Valsabbia e Salò per l'ultimo e intenso tour del 2019

'Il raid turistico in spider' di domenica 29 settembre ha concluso l'intensa attività associativa del 2019 di Viaggio in spider. Oltre trenta gli equipaggi presenti al luogo di incontro, poco dopo lo spuntare dell'alba, eh sì questa volta abbiamo obbligato i nostri spideristi ad un'alzataccia per essere pronti a partire alle ore 07.30. E così è stato anche per Andrea, che per la prima volta ha partecipato ad una nostra manifestazione e Luca, provenienti rispettivamente, con i loro accompagnatori, da Mestre e Rovigo e quindi in strada fra le 5 e le 6 del mattino.

Il tour è stato concentrato nell'arco di tutta la mattinata di domenica con una serie di soste ravvicinate ed un percorso piuttosto tecnico. Tutto si è svolto come da roadbook, il lungo serpentone delle nostre spider ha attraversato in modo disciplinato il centro di Gavardo, Comune alle porte della Valsabbia, per poi dirigersi verso il cuore del territorio valsabbino. Giunti a Sabbio Chiese, inerpicandoci per gli stretti vicoli, abbiamo pacificamente invaso Piazza Rocca, letteralmente occupata dalle nostre vetture.  

La Valsabbia è un territorio votato all'accoglienza e all'ospitalità e l'Amministrazione Comunale di Sabbio non è venuta meno a questa tradizione con la presenza del suo primo cittadino, Sig. Onorio Luscia, dell'Assessore Marta Ghidini e del Consigliere Comunale Verusca Ghidinelli, a darci il benvenuto all'ingresso del Santuario della Madonna della Rocca. Insieme a loro abbiamo scoperto questo antico scrigno di storia e di devozione, proprio nel giorno della festa patronale del paese. L'edificio, convertito da architettura militare a religiosa nel XV secolo, è il luogo a cui la Comunità è più legata, restituito da alcuni anni alle visite e al culto dopo un lungo restauro conseguente al terribile terremoto che nel 2004 ha colpito buona parte di questa valle.

Le nostre escursioni ci portano a conoscere tradizioni, persone, costumi questo e non poteva mancare in quest'uscita la degustazione di una tipicità gastronomica locale, il formaggio, nella sua ricca declinazione di freschi, formaggelle e stagionati. Una degustazione accompagnata da squisite marmellate, affettati e dal vino della zona, sotto un sole che definitivamente si era mostrato e infondeva il giusto sapore a queste prelibatezze casearie.

Gustati appieno i sapori di questo territorio, abbiamo proseguito il nostro raid verso Salò, guidando le nostre vetture su lunghi tratti del Circuito del Garda, ricavato su strade cittadine, dove si sfidarono piloti di fama internazionale per quindici edizioni dal '21 al '65. Quelle epiche competizioni le ricordò con nostalgia il regista Luigi Comencini, salodiano di nascita, e all'epoca il circuito era orgogliosamente definito 'un piccolo Nurburgring'. Il nostro passaggio rievocativo, nel pieno rispetto del Codice Stradale, ci ha fatto un po' immaginare quegli anni in cui Salò diventava una 'Monza ante-litteram' con un pubblico che gremiva ogni angolo del circuito. L'escursione si è conclusa con un conviviale pranzo proprio in cima a Via Zette.

Si ringrazia per la riuscita di questa manifestazione

- Il Comune e la Polizia Locale di Gavardo

- Il Comune, la Polizia Locale e i volontari di Sabbio Chiese

- Il Comune, la Polizia Locale della Città di Salò

- Le Terme di Vallio e la Cedral Tassoni Spa per gli omaggi offerti

L'impegno organizzativo è stato, come sempre, ampiamente ripagato dall'entusiasmo, amicizia e simpatia dei nostri tesserati e dei nuovi amici spideristi che incoraggiano a proseguire questo bel progetto e a rafforzare il nostro sodalizio. GRAZIE VERAMENTE A TUTTI E ARRIVEDERCI ALL'ANNO PROSSIMO CON LE NUOVE INIZIATIVE

Riccardo